Pagina in lingua italiana Cette page n'est pas disponible en franšais This page is NOT available in English Diese Seite steht nicht auf Deutsch zur Verfügung Aiutaci con l'emergenza Abruzzo



Vuoi un regalino divertente?

Acquista MagnifiCat

APER diffida i media

TATUAGGI E MICROCHIP NON ISCRITTI o NON CONTROLLATI... > Jack




Jack come tutte le mattine era rimasto in giardino, come sempre succedeva, mentre il resto della famiglia si recava al lavoro. Era il 2 settembre del 2004 e mai avremmo pensato che poche ore dopo, al rientro a casa per la pausa pranzo, ci saremmo trovati senza Jack e senza il suo festante scodinzolio.

Ma come aveva fatto a uscire? Jack è un Mastiff, quindi di taglia grande e dal mantello tigrato ma fino a quel giorno non era mai capitato che avesse aperto il cancello per poi uscire da solo. E Jack non era proprio quello che si potrebbe definire un cane che passa inosservato...

Iniziarono subito le ricerche e incominciammo a interpellare amici e vicini. Nessuno aveva notato quel misterioso qualcuno che evidentemente aveva aperto il cancello facendo uscire Jack. Ma poi anche perchè un gesto così inconsulto?

Una conoscente che non smetteremo mai di ringraziare per lo spirito di iniziativa, riportò la segnalazione di smarrimento anche a voi di Animali Persi e Ritrovati e l'Associazione si mise in contatto con noi di lì a poco. Ricevemmo istruzioni dettagliate che spiegavano quanto fosse necessario realizzare dei volantini, cercare con metodo e contattare anche il canile locale.

E così fu: con un bel volantino alla mano che descriveva Jack in ogni particolare e che dava indicazioni sul suo tatuaggio, come rintracciarci e corredato pure di foto, ci recammo pochi giorni dopo lo smarrimento anche al canile di Travacò Siccomario e di Pavia.

Di Jack comunque non c'era traccia, le ricerche continuavano ma nessuno lo aveva visto. E il tempo passava. A turno ogni componente della famiglia cercava di controllare determinate aree della città, continuava la distribuzione dei volantini e si sperava che Jack non si fosse cacciato nei guai o che non fosse finito in cattive mani. Già...

La svolta ci fu, praticamente esattamente un mese dopo, quando ci fu segnalato che il cane era custodito presso il canile di Vistarono (canile privato dove vengono dati i cani persi in adozione). Alla riconsegna del cane ci veniva comunicato che l'animale era stato ritrovato a Travasò una settimana dopo la sua fuga ed era stato consegnato al canile di Pavia ove ci avevano negato per ben TRE volte di aver ritrovato un cane della razza Mastiff (incredibile, non volevano darcelo o non sapevano riconoscere la razza del cane?).

Inevitabilmente, alla gioia, si manifestò anche la rabbia! Ma perchè non ci avevano chiamato???

E la rabbia si trasformò in ira quando scoprimmo che il tatuaggio di Jack era stato nel frattempo pure "rinfrescato", visto che chi lo aveva controllato aveva reputato che non si leggesse bene... ma allora il volantino alla porta, le telefonate, il tatuaggio stesso non erano serviti a nulla! Ma se non ci avessero avvertiti, Jack lo avremmo mai ritrovato?

E Jack si era pure ammalato: si era preso una bella gastroenterite e usciti dal canile lo dovemmo portare di corsa dal veterinario per scongiurare il peggio.

Jack si è ripreso, sta bene e il ricordo di quanto è successo tempo fa, per fortuna sta lentamente sbiadendo. Questo resoconto vuole però essere la nostra testimonianza di quanto purtroppo succede in certe strutture e di quanto è necessario andare di persona a controllare gli ingressi in canile. Perchè il nostro amico, da quella prigione, lo abbiamo tirato fuori noi!

Andrea, Laura, Jack e Famiglia - Travacò Siccomario (PV), 15 maggio 2006






 

Uso consentito su autorizzazione di: www.animalipersieritrovati.org